/

La Storia della dance anni 90: Luca Pretolesi, in arte Digital Boy

C’è stato un tempo, gli anni Novanta, in cui l’Italia ha dominato la scena musicale mondiale. Dietro produzioni dance apparentemente straniere perché proposte in una confezione anglofona si nascondeva il genio e la creatività italiani. Dalle soffitte, dai sottoscala, dalla provincia, alla conquista delle vette delle classifiche internazionali. Luca Pretolesi è un ragazzo di Genova. Studia pianoforte, ma a 16 anni ha già deciso che Mozart non fa per lui. Ha gusti un po’ più forti. La tecno.

2 mins read

C’è stato un tempo, gli anni Novanta, in cui l’Italia ha dominato la scena musicale mondiale. Dietro produzioni dance apparentemente straniere perché proposte in una confezione anglofona si nascondeva il genio e la creatività italiani. Dalle soffitte, dai sottoscala, dalla provincia, alla conquista delle vette delle classifiche internazionali. Luca Pretolesi è un ragazzo di Genova. Studia pianoforte, ma a 16 anni ha già deciso che Mozart non fa per lui. Ha gusti un po’ più forti. La tecno. Un genere che, all’inizio degli anni novanta, è un fenomeno di massa, ma nel Nord Europa. E’ la musica che si suona nei rave. In Italia non la produce ancora nessuno.

Giovanissimo, Pretolesi inizia a spedire i suoi demo. Ottiene l’interesse della Flying record, che si propone di distribuire i suoi dischi. Ma deve stamparseli da soli. Il successo arriva in breve tempo. “Gimme a fat beat”, “This is muthaf**er”, eppoi “Mountain of King” e “Crossover”. Digital boy domina le classifiche di settore e vende milioni di dischi nel mondo. Un impulso determinante alla diffusione della musica dance, in quegli anni, arriva da Radio Deejay, il primo network nazionale che promuove le produzioni italiane fino a farle diventare riempipista in discoteca.

Molti successi mondiali degli anni novanta nascono di pomeriggio, dalle 2 alle 4, sulla modulazione di frequenza, grazie ad Albertino. Mountain of king ha un testo, interpretato dalla cantante Asia, che parla di fratellanza tra razze, inneggia a Martin Luther King ed è figlio delle relazioni che influenzano Pretolesi, poco più che ventenne, nei suoi tour mondiali. Il singolo rimane primo in classifica in Italia per 4 settimane. E’ il 1994. Ad oggi Pretolesi è riconosciuto come l’inventore dell’hover sound, il suono aspirapolvere, utilizzato in molte produzioni dance e pop degli ultimi anni. Anche Lady Gaga lo ha usato. Da diversi anni Pretolesi vive a Las Vegas, ha tre studi di produzione musicale, di cui uno ad Amsterdam. Non produce più con il marchio “Digital boy”, ma ha prestigiose collaborazioni con dj e mc’s americani.

Rispondi

Previous Story

MES, accordo in maggioranza con supercazzola. Ma i grillini perdono pezzi

Next Story

La storia della dance anni 90: Checco Bontempi (Corona)

Latest from Unz Tunz

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: