Simone Furlan (Instagram)

La diserzione dell’Esercito di Silvio: Furlan se ne va con la Meloni

/

Forza Italia perde truppe, ma nel vero senso del termine. L’organizzazione che fa capo a Simone Furlan, “l’esercito di Silvio”, saluta e se ne va. Ammutinamento. L’ultrà padovano era già da un po’ di mesi in conflitto con il partito per vicende locali. Il rapporto difficile con Niccolò Ghedini, suo conterraneo e dominus di Forza Italia in Veneto, è andato via via peggiorando fino a spingere Furlan all’addio. Imprenditore nel settore alberghiero, nel 2013 si cimenta con spregio del pericolo nell’avventura berlusconiana. Sono i mesi peggiori per il Cav: la condanna definitiva, la cacciata dal Senato, l’affidamento ai servizi sociali. Furlan è pronto a tutto pur di difendere il suo leader: “Amo Berlusconi, mi prenderei una pallottola al posto suo”. Ma le giubbe azzurre non hanno niente di paramilitare. L’unica arma è la fedeltà assoluta al leader. Fino a ieri. Perché i contrasti col partito sono arrivati a un livello insanabile. Ora “il generale” va con la Meloni. E cambia nome alle sue milizie. Che diventano “l’esercito della libertà”.

Rispondi

Previous Story

"La lista dei giornalisti raccomandati". Di Maio ci casca di nuovo (ed è pure indagato)

Next Story

Casse vuote. E Forza Italia chiede di rottamare le cartelle di Equitalia

Latest from Partiti da incubo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: